manunzio.it logo

15-06-2019 08:04

url: permalink



[center]I media si sono sostituiti al mondo di prima.
Anche se volessimo ricuperare questo mondo di prima, potremmo farlo stando
con uno studio intenso di come i media lo hanno inghiottito

Marshall Mclhuan




Ah ecco volevamo dire

Un’altra “scatola” di foto mentre qualche giorno addietro la Maier (scatola di ogni ben di Iddio fotografico comprata ad un’asta da un ragazzo che stava lì tanto per…) e ancor prima la valigia (con rotoli 135 non tagliati in canonici 6 fotogrammi!) di Bob Capa, mo’ è il momento di Weegee il primo su larga scala e sua Speedgraphic 10x12 a darci morti in prima pagina: eh ‘o Sistemm’ nun è fess’ e sa come prendere all’amo i teleguidati. Infatti al momento topico: zacchete, il pacco per morbosi necrofili qui nel caso di specie. E si sa come la Morte attizza e terrorizza: potentissima droga a buon mercato per Big Brothers.
Vabbene anche storici e antropodeché (prezzolati) si sono fiondati sopra l’affare. Avanti con i buoi…

Lost Weegee crime photos revealed!


Man fotografo son dal 1969



Fisime a man salva

Il rituale poi cos’è nella sua essenza: esorcizzare la Morte che fa cagare sotto gli umanoidi. Certo poi gli antropodeché ci mettono le chiacchiere per dire quello che si sa, voglia si sappia. Ma si guardano bene dal concetto di Morte: perché si muore nell’Era dell’ottimismo senza scomodare Tonino Guerra e sua réclame? E delle macchine pure tanto per non far torto ai transumani robot. Altra fissazione dell’occidentale, che si caga sotto dalla paura di sparire come giusto sia, casomai in altra dimensione…meglio non dire ai materialisti d’accatto. So’ permalosi mentre continuano a cagarsi sotto all’idea della Falciatrice.
Sia come sia veniamo a noi, va. Rituale come ripetizione un’altra fesseria del pensiero aristotelico mai finito al macero per evidenti limiti d’usura: lato traslato figurato e fate come ve pare. E pure questo non si dica, altrimenti il ricorso a Betotal o benzodiazepine alla Giovanni Gastel, raccontato nella sua biografia a p. 65 di Un eterno attimo by Mondadori, l’intontisce ancora più; sono costoro che hanno inventato il weekend, il fine settimana che in mancanza di lavoro unica cosa Moloch nella vita sostituito da alcoilici…
DxO ci ha abituali, quindi, a misurare la bontà di macchine analogiche in tutte le sue forma senza ricordare gli smartphone “fotografici”. Tale che se una volta era d’uso: “lo dice la Rai” parimenti l’odierno Lab DxO. Contenti voialtri. Tutto qua? Ancora un pochino per dire che questi nostri fisici con fisime di un Universo rettilineo (rettiliniano, no?) verso l’Infinito ed oltre (!) devono ripetere a mantra che per porre a metro costante i parametri devono essere quelli e non altro in tutto l’Universo: minchia! Ripetere così dice la “scienza” ripetitiva. Per carità di nuovo chi si contenta gode: ma l’indeterminatezza di Heisenberg, e la Quantistica…mal si conciliano con tanto determinismo d’accatto darwiniano positivista di un tempo passato a miglior gloria. Ditelo ste cosa agli orientali che gli viene da ride. Ah anche oggi alla fin della tenzone tocco? Tocco o son tocco? Ma fate come ve pare…

DxOMark Made a Realistic Mannequin for Testing Selfie Cameras


Man fotografo sin dal 1969


Ps. Tuttora a web la metodica, Images Resource, per testare le digicamere e certi colori come pelle, alquanto difficile a farsi, e poi manichini dai capelli lunghi per verificare altresì la “finezza” del potere risolvente. E senza ricorso a mannequin Ai. Cui prodest? Come sempre ribadiamo: cosa c’entra a dare numeri? Cosa ci azzecca con fare fotografie? E’ la giostra dell’accata accata (to buy) tante volte detto e ridetto, il resto alla giostra gliene po’ fregà de meno

12-06-2019 10:53

url: permalink




"Secondo una dichiarazione rilasciata dalla Sala Stampa della Santa Sede il 16 febbraio 2019, McCarrick è stato giudicato colpevole dalla Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF) di “adescamento nel sacramento della confessione e peccati contro il sesto comandamento” con minori e adulti, con “il fattore aggravante dell’abuso. Inoltre, avendo reso definitiva la sentenza, il Papa ha reso impossibile condurre ulteriori indagini, che avrebbero potuto rivelare chi in Curia e altrove conosceva gli abusi di McCarrick, quando lo hanno saputo, e chi lo ha aiutato ad essere nominato arcivescovo di Washington e infine cardinale. Il punto fondamentale è questo: Papa Francesco sta deliberatamente nascondendo le prove su McCarrick. Lo ripeto con fermezza davanti a Dio: Papa Francesco ha saputo di McCarrick da me domenica 23 giugno 2013, 40 minuti prima dell’Angelus. Gli ho detto degli abusi di McCarrick dopo che lo stesso Papa, di propria iniziativa, mi ha chiesto di McCarrick". Eppure, i fatti rimangono. McCarrick è stato un amico personale di Francesco per decenni prima di essere eletto papa. Francesco sapeva dei suoi crimini, ma lo ha riabilitato, lo ha reso il suo inviato personale e consigliere di fiducia, e ha nominato vescovi e cardinali che sono ben noti protettori di McCarrick. Eppure non dirà una sola parola su questo. È immensamente triste leggere le risposte di papa Francesco sul caso McCarrick, per non parlare di tutto il resto. In primo luogo dice che ha già risposto molte volte; in secondo luogo, che non sapeva nulla, assolutamente nulla di McCarrick, e in terzo luogo, che si è dimenticato della mia conversazione con lui. Come possono queste affermazioni essere affermate e sostenute insieme allo stesso tempo? Tutte e tre sono menzogne palesi. La crisi riguarda il fatto che una “mafia” corrotta ha preso il controllo di molte istituzioni della Chiesa, dall’alto verso il basso, e sta sfruttando la Chiesa e i fedeli per i suoi scopi immorali"
Mons. Viganò, c’è ancora molto su cui indagare



“ Chi scandalizzerà uno solo di questi piccoli che credono in me, gli conviene che gli venga appesa
al collo una macina da mulino e sia gettato nel profondo del mare"

Matteo 18,6



Vergine…a pagamento

Certo non d’imene che si accenna, so’ cazzate. Ecco. Concorsi planetari del “vero” eppure falso assai.
Questa cosa immonda e ridicola che la fottografia di natura, ecco di nuovo e non è refuso, deve per un attimo farsi (non nelle vene, forse) bella e casta e pura, pur sempre mercenaria sotto sotto, sì, lì. Gioco dove soprattutto il puttaniere (giurato) si fa vergine, sempre a pagamento, quel tanto che basta agli ordini della giostra per gli acquisti del Pensiero Unico. E tiene famiglia il nostro.
In breve l’idillio della natura incontaminata (cara ai satanisti luciferini alla Salgado e adepti del Georgia guide stone) cui élite dedita al “tutto a me e niente a te” vuole manu militari trastullarsi nell’illusione del “vero” ma chiaramente falso e con cielo tempestoso, che però fa effetto. Certo una tirata d’orecchio…proprio non ci voleva a guastare l’attimo fuggente, verso la cassa!

Wildlife Photo Contest Winner Disqualified Over Elephant’s Ears


Man fotografo sin dal 1969



Non so da dove cominciare perché mancano le coordinate per articolare una qualche “riflessione”. Certo è che da un po’ davanti un’immagine (cartolina o reale scorrere quotidiana vita) qualsiasi provo una sorta di smarrimento, che non trova appiglio. Sono soprattutto quelle in bianconero che per loro natura ti costringono ad “immaginare” di più. A volte immaginare, meglio immedesimarsi, in ciò che si vede: cosa avrà visto Tizio o Caio mentre veniva fotografato? Cosa gli passava per la mente? Fotogrammi mentali di questo tipo.
Se poi sono immagini dell’infanzia (in sorta di legge della ricapitolazione) vissuta: tombola! Quando infine le immagini si fanno drammatiche, allora allo smarrimento s’associa una ipoventilazione alveolare e nodo alla gola, e vorresti gridare ma non è possibile.
Che strano mestiere si è scelto (!?) ci ha avvelato in modo sottile l’esistenza; come cecchino che non ne sbaglia una oramai vorresti trovare un po’ di requie ché non se ne può più

84 scatti di follia e di speranza nelle fotografie di Vallinotto

«Io mi dicevo: se vedo i merli dalle finestre, vuol dire che sto bene e a posto con la testa, se invece il cervello era tutto confuso, dipendeva dai giorni, era per i farmaci che mi davano». Angelo è un sopravvissuto. Uno di quei bambini che hanno passato l’infanzia in un manicomio"

“Se si tratta così il legno verde, che avverrà del legno secco?” Luca 23, 31

Man fotografo sin dal 1969

Ps. I matti li ho ripresi e a tutt'oggi mai pubblicati ché i fotogrammi sconvolgono anche me




Dieci giugno di tanti anni fa. Non so se il babbo era contento quel giorno del millevocentoquaranta. E forse non gli importava più di tanto perché soldato non sarebbe mai andato in guerra per una mano e piede poliomielite. O tutt’’al più avrebbe fatto come il soldato, attore Renato Cucciolla, nel Film “Italiani brava gente” o di quella tragica Mitopea che è stata l’invasione della Russia, non meno che l’arsura fame e scarpe di cartone ad El Alamein.
Di quel giorno funesto non ha mai proferito parola, era la mamma a darne conto: uomini di poche parole. E chissà se dopo quasi ottanta anni i libri di “storia” ne ricorda quei giorni di roboanti parole…

Italia 1940 dichiarazione guerra

Man fotografo sin dal 1969








Pazziella

Che non è una piccola pazzia. Viene dal verbo napoletano: pazziare, giocare. Ecco e si potrebbe chiudere qui subito, forse. E sì perché se nell’odierno orizzonte, triste solitario e finale, togliete il “gioco” che fine farebbe la giostra degli acquisti? Svanirebbe come rugiada al sole. Non si può, o meglio ma nessun è disposto ad uscire dal proprio nasino, ché costa fatica e posizione su la “piramide” sociale.
E così ci tocca rifare quotidiano bastian contrario, e sai che novità; di chi è andato oltre il velo di Maya, che è parola di qua del mare eppure la trovate pari pari (civiltà) di là l’Atlantico in Centroamerica! Già e come mai? E non di questo ci si occupa ché metteremmo a mal partito Cristobal Colon e suoi frammassoni atlantici.
Risoluzioni e fotografia non vanno di pari passo, a dirla tutta: non è la tecnica (tecnologia robotica?) a fare arte tout court. Oh santi Numi sembra alzarsi ala canea: ma come la fotografia al tempo digitale, erede della meccanica analogica, lo è per “definizione”! Vale a dire dei galleristi (ammanigliati) critici (prezzolati) fotografi colti e folgorati (lampo elettronico?) su la via di Damasco con esse e due stanghette…come un qualsiasi Saulo/Paolo inventore del cristianesimo, ergo, Occidente giudaico-cristiano-greco-romano: niente di nuovo sotto il “sole” per chi intende.
Tecnica che aiuta e vabbene, quanto poi è pura pazziella allora semantica + mente è tutt’altro piano (focale?) ed esula l’umana esperienza ordinaria.
Allora vale quando si ripete a giorni alterni: no, non serve, nient’altro che una digitale casomai “vintage” un po’ come si fa al corrente con la (ri)trovata, stamani ne infiliamo di calembour per palati super fini, pellicola che si innesta su giovani fotografi (pensa te!) che non han nient’altro se non uno smartphone esistenziale: mattina pomeriggio e sera: ventiquattrorepertrecentosessantacinquegiorniannui. Artificiali (malgré leur) e che non han minima idea di ciò che è stato il Mondo detto analogico tout court!

Una foto la si vive poi si fotografa, poi si discute di tecno-arte-valore merce marxista altra faccia della medaglia o del kapitale (so' la stessa cosa poiché mercenari) etc etc etc

Il pixel grande duro e puro

Man fotografo sin dal 1969


Ps. Non toglietemi il digitale, masticato sin dai tempi di Amiga, ché non ho più tempo e pazienza come una volta al chiaro gialloverde della camera oscura alchemica, tanto a rimarcare contraddizioni!

Pss. Attaccato un file in formato 1600 x 1200 di Epson 850 Z nel catalogo Getty Images parte delle “cinquantotto” di Manunzio che c’entra niente con l’arte…mo’ va tu a sapé


more: Getty_IIjpg.jpg (0.69 MB)



Sepolcri

Si certo le Scritture ne fan cenno e di quelli imbiancati. Ma state ad ascoltare di come esseri che vivono nelle catacombe al buio s’incazzano al sol vedere la luce, forsanche di innocenti post come, ad esempio, un Editor di testo non più primordiale, che han promesso tuttavia di rivedere da anni come pure (e glielo avete detto e ridetto). L’impossibilità di editare un video con audio (qualsiasi scalcagnato editor vi permette di vedere, mettere mano staccare e/o riattaccare piste immagini-audio, o miscelare questi con immagini fisse se non ricorrendo a contorsionismi.
In breve Pte 10 giunta alla sua Beta 5 con livrea style Pshop o Lr, dopo anni che 8anche questo) glielo avete scritto e fatto capire. Parliamo di un programma per slideshow, e ne siamo possessore della precedente v. 9.0 oltre che “customer” già da anni.
Morale della favola: tenetevi lontani da sette del tipo. Guai a farvi venire un che di dubbio o anche a mettere un banale +1 a quello che altri chiedono (!). Sic transit gloria mundi! So’ ragazzi…

Man fotografo sin dal 1969




Paradigma

Adesso che la “bella stagione” avanza, facendo i debiti scongiuri si sa mai, mare sole ma pure laghi e therme: ahh benedette vacanze per chi se lo può permettere, e noi siamo tra quelli che aspettano da un decennio!
Sia come sia la bella stagione è anche luce più del dovuto. Ora che accade? Da un po’ di tempo in qua vi è il “vintage film” époque a farla da padrona perché, guarda un po’, il digitale di michiapixel non tira più: solo il pixel digitale? Allora la giostra degli acquisti “revival” rifà un salto indietro a ripescare la pellicola analogica che aveva “giustiziato” giorni prima per il digitale più manipolabile da Cia&Mossad Facebook/Analytica…
E vedi, quindi, schiere di ragazzi con dovizia di barba (sembrano talebani che proprio per la barba di Allah si doveva sconfiggere!) intraprendere una serie sterminata di tutorial via Youtube a spiegare questo e quello. E già l’Analogico film è un'altra lingua! E l’inglese fa ride, oltretutto non è questo. E’ a tutti gli effetti un ritorno agli Anni 70 60 50 40…dove tutto, ma proprio tutto era in bianconero. E dite voi con gli smartphone camere digitali e compagnia cantando, ritornare a ragionere prima dello scatto: ma si può? Certo che no, a meno che in qualche Lab Cia&Mossad inventino un “vaccino” dell’oblio presente (!) per un salto nel passato. Barzellette, cazzate. Se tutto, ma proprio tutto passa su gli schermettuzzi di cellulari grandi piccoli e mezzani (medio). Da ridere.
Uno già non sa il proprio nome…ehi Siri come mi chiamo. E questi se no lo sai tu…il buon telefonino morsicato.
Che s’adda fa p’ tené a galla ‘o sistemm’. E accatatvill’ na machina analogica e ce mettit’ arind’ na pelliculella: janc e nire che è chi bell e fa cum’ dicene i ‘merican’ “very fine” o a culur ma, attenziò battagliò è asciut’ pazz’ o padrone, sulamente trentasei scatt’ p’ chill’ ca tenghen’ a Leica e sore vicine. Chillat’ ca’ tenen’ Hassebland’ e cumpariell appress’ ca fa tant’ Prufessur’ e fotografie sul durc’ scatt’: eh all’ananema da M…

How to Get Over Early Hurdles in Film Photography

Manunzio fotografo sin dal 1969

06-06-2019 08:09

url: permalink



Finalmente un po' di pace
Sit tibi terra levis zia Assunta



LX II Panasonic

Nei serial il II è associato alla…vendetta. E qui non è il caso. Infatti II è quel tanto di buona cosmesi, in buona sostanza “cipria” abbellente su la più che ottima LX prima versione. E non tanto e non solo per il fatto che il sensore è un vero 4/3 più o meno, quanto è soprattutto per il fatto che la Lumix è tascabile. E si riescono a fare (provato per poco la versione LX del fratello) cose sbalorditive. E chi usa macchine tascabili (Olympus per noi serie Camedia Point&Shoot) sa cosa vuol dire trovarsi davanti LA foto e non perdere il cosiddetto attimo (ma niente HC. Bresson, eh). Una cosa questa che i minchiapixellisti onanisti a tutto spiano potranno mai intendere con i corredi (al cado di coperte domestiche) iper-ultra reflex…tant’è vero e lo si riscrive che a Getty Images mica ci han chiesto mai quale sensore risoluzione ottiche e pippe varie. E c’è gente che fotografa con meloni: me cojoni! Man fotografo sin dal 1969

LX II Panasonic


Man fotografo sin dal 1969

04-06-2019 14:19

url: permalink



Molti fotografi passano troppo tempo in camera oscura (odierno computer, hdr dinayic rage etc, nota di Manunzio) con il risultato che il lavoro creativo della macchina fotografica ne viene seriamente disturbato. La stanca moda di
annegarsi nella tecnica trascurando il contenuto aggrava la pestilenza e fa parte, per moilti, della generale isteria di oggi

Berenice Abbott



A buon intenditor

A volte basta uscire un pochino di lato dal sentiero del Pensiero Unico a reti omologate per scoprire, che sì, intelligenza c’è e d’altro affare pure.
E come ogni mercanzia la richiesta dell’optimum è una Chimera. Certo poi che la giostra degli acq1uisti, guidata da padri di famiglia che tengono appunto…famiglia, deve spingere verso l’infinito ed oltre in un universo rettileno o rettiliniano fate voi. Gli orientali, mattacchioni, sono per la circolarità ciclica ma non si dica a chi ha testa per spartir orecchi.
Formato fotografico, va. E se proprio l’altro giorno postavamo della Panasonic neo entry nell’empireo a nome Full frame, contrordine compagni che un Aps-C non è detto sia da meno. Siamo quattroterzisti e ancora meno (formato sensore) ma qui non è il caso. Forse.
Allora trovi chi argomenti che alla fin fine è la fotografia quel che conta: ma va! E non già dispute teologiche aizzate dai brand(y) sul viale del tramonto inseguiti dalla canea a nome smartphone. Basta ricordarlo!

Why I Am Staying with APS-C

Man fotografo sin dal 1969




U 'att mammone

Se il primo gatto non fu allora chi fu..secondo gatto non fu allora chi fu…il terzo gatto non fu allora chi fu…Il ritmo tarantolato. Perché? Beh perché siamo oltre il Bene & Male aldilà di ogni cosa: trionfo del Numero ossia del Nulla elevato nientemeno a sistema, allo spread night&day. L’impotenza elevata a Potenza: lato traslato figurato…geografico.
Sì certo si parla delle cosiddette “novità” specchi per allodole teleguidate. In breve la Panasonic che si è attaccata al c…ristallo di silicio Formato Pieno del Pensiero Unico ne sforna un’altra a tambur battente S1H: tengono famiglia. E la legge di Moore il famigerato 18 (6+6+6 o il Numero della Bestia, eh Magaldi Venerabile di tre cotte!) vale a dire che ogni diciotto mesi si fan “progressi” tecnologici o meglio noto come Cartello di brand(y) e non solo del narcotraffico che, anzi, pari sono: ambedue droga ma non è questo. Forse.
Siché sino a questo momento l’Ultra Hd la “norma” e monitor e schermi desktop portatili smartfufeschi (fufi bau bau micio micio vieni qui bello!) e domestico pure? Adesso siamo al 6K: Ultra-ultra cha cha chà. E siccome nell’universo allopatico la serie dei numeri (chi li dà?) è detta Infinita…
Leica veste le sue camere con pelle…umana alla Fantozzi e mo’ Panasonic e mo’ Fujifilm “mezzoformato” da centoepassa minchiapixel…e quest’altro con presa per il caffè: cialde o regolare espresso da bar? Fotografia? Ahh un’altra volta, dicono, le puttane oops i brand(y) e consigli per gli acquisti: tataratatà canale cinqueeee, sei sette otto nove…

Panasonic Unveils the S1H, The First 6K Mirrorless Camera

Man fotografo sin dal 1969


Ps. Non è che ogni santo giorno bisogna scassarsi i santissimi nel ricordare (!?) che tutti i minchiapixel finiscono a smartphone e se va bene su Tablet dove è alquanto difficilino distinguere (discernere?) 8 16 32 64 128 minchiapixellate!

search

pages

Share
Link
https://www.manunzio.it/diary-d
CLOSE
loading